Condrocalcinosi, eccesso di calcio nelle articolazioni

Condrocalcinosi, eccesso di calcio nelle articolazioni

La formazione di depositi di calcio nella cartilagine articolare o dei tessuti molli può causare episodi di gonfiore e dolore in polsi, fianchi e ginocchia, e movimento limitato. Fino ad oggi non esiste una cura definitiva, ma è possibile controllare il disagio.

La cartilagine è un tessuto liscio e compatto che ricopre le estremità delle ossa trovati nelle articolazioni, sia ai registri correttamente impegnare le superfici ossee per attutire gli impatti causati da movimenti, salti, dossi e curve. Per raggiungere questo obiettivo, con l'aiuto delle membrane e fluidi sinoviali; primi atti come lubrificante, mentre la seconda è responsabile per trattenere la fuga del fluido e prevenire.

Ma questa struttura ingegnosa della natura può soffrire di malattie incidenti, usura naturale e persino cause sconosciute, come in condrocalcinosi, conosciuto anche come artropatia dalla deposizione di pirofosfato di calcio, che colpisce soprattutto le persone con più di 60 anni, in particolare femmina, dovuto alla formazione di cristalli minerali piccoli che possono logorare la cartilagine e generare notevole gonfiore e dolore.

Le articolazioni più comunemente colpite sono polsi, ginocchia e fianchi, in cui i pazienti hanno attacchi acuti di infiammazione a seguito del rilascio di cristalli di pirofosfato di calcio nel giunto, perché la sostanza chimica in questione è molto irritante e presenza innesca una reazione infiammatoria con versamento di liquido sinoviale. Sebbene molti casi può verificarsi senza la presenza di sintomi, alcune persone soffrono disagio persistente con forte somiglianza con quelli prodotti dall'accumulo di acido urico (quindi è anche conosciuto come pseudogout o falsa gotta).

Sulle tracce del dolore

Condrocalcinosi rappresenta un enigma per la medicina, perché nella maggior parte dei casi (circa il 90%) non è una causa che dà origine; tuttavia, in piccola percentuale di pazienti sono presentati come malattia ereditaria o malattia come risultato di:

  • Iperparatiroidismo. iperattività delle ghiandole paratiroidee, situati alla testa e alla base del collo, vicino la ghiandola tiroidea, e la cui funzione è quella di produrre l'ormone paratiroideo, che regola l'equilibrio di calcio, fosforo e magnesio nel sangue e le ossa.
  • Amiloidosi. Disturbo in cui le fibre proteiche sono depositati in tessuti e organi, il funzionamento interrompendo.
  • Hipotoriodismo o mixedema. insufficiente produzione di ormone tiroideo, responsabile della regolazione più processi fisici e chimici del corpo.
  • malattie renali croniche. capacità Diminuzione dei reni di filtrare il sangue, che innesca l'accumulo di minerali nel corpo.

I sintomi prodotti condrocalcinosi sono due, principalmente, anche se di solito predomina uno dall'altro, possono apparire sia nello stesso paziente:

  • attacchi acuti. I processi sono artritici flare-up, vale a dire, episodi caratterizzati da rapido aumento dolore e gonfiore nella zona interessata che sembra caldo e rosso. Tali attacchi possono essere accompagnate da febbre e malessere; che colpisce una o più articolazioni in una sola volta, anche se è più comune nelle ginocchia.
  • Persistente dolore alle articolazioni. Alcuni pazienti subiscono un processo di usura della cartilagine articolare (osteoartrite), che provoca dolore persistente che aumenta con l'uso del interessata e alleviato dal riposo e rigidità quando si tira via dopo un periodo di riposo. Se il problema persiste portata sembra perdere la mobilità e l'incapacità di svolgere le attività quotidiane.

soluzione in attesa

Il reumatologo è lo specialista incaricato di fare la diagnosi, si basa su tre parametri: esame fisico, la storia medica e test diagnostici; a questo proposito, è comune esposizione ai raggi X delle parti interessate, se la calcificazione della cartilagine viene visualizzata come una linea bianca parallela al bordo dell'osso, e analisi del liquido sinoviale ottenuto mediante puntura diretta nel giunto infiammato, per trovare possibili presenza di cristalli di sali di calcio.

Se condrocalcinosi riferisce a ormonali o renali carenze, miglioramento dipende dal problema delle cure primarie. Purtroppo, la causa di questa malattia rimane un enigma nella maggior parte dei casi, quindi non è possibile una cura.

Pertanto, il trattamento avrà lo scopo di ridurre il disagio, ma anche dipendere dalle caratteristiche del paziente:

Nei casi in cui la diagnosi è fatta per caso (si verifica quando il reumatologo andrà per lesioni o controllo e scoperto per caso un problema di calcificazione della cartilagine nelle fasi iniziali o nessun sintomo), il medico si concentrerà per dare raccomandazioni generali che impediscono l'usura comune, tra cui il mantenimento del peso corretto e moderato esercizio fisico per mantenere la mobilità e aumentare la forza muscolare.

Quando i problemi sono gravi artrite infiammazione o farmaci anti-infiammatori come il paracetamolo o iburpofeno (non steroidei) è richiesto. In alcuni pazienti richiederanno drenare il versamento di liquido sinoviale e iniettare un farmaco che aiuta a ridurre il gonfiore (steroidi) direttamente.

Se il dolore articolare da antidolorifici artrite sarà richiesto anche, ma nei casi più avanzati, quando vi è il fallimento della mossa importante, la soluzione è quella di sottoporre il paziente a chirurgia ricostruttiva o addirittura sostituire il ginocchio danneggiato o anca con una protesi.

Innanzitutto, va rilevato che il trattamento sarà più efficace quando viene rilevato il problema presto, quindi si consiglia di visitare un reumatologo di rivedere periodicamente il funzionamento delle articolazioni, c'è disagio o meno, evitando così lo sviluppo di questo o altre malattie reumatiche.

1127

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha