Denti e gengive parodontite a rischio

Denti e gengive parodontite a rischio

malattie parodontali (gengivite e parodontite) infiammano e distruggere le strutture che circondano e supportano i denti come la gomma, ossa e strato esterno del cemento root o root. E 'a causa di cali di igiene e consumo di tabacco.

"Tutto inizia con la comparsa di placche e termina nel tragico esito della perdita dei denti", spiega il Dr. Monica Alcantara Contreras, periodontist di Laserdent clinica nella città di Spagna, aggiungendo che "gengive sane e ossa essi mantengono il dente in posizione, ma la formazione di tartaro irrita, così infiammata e, nel tempo, vengono separati dal pezzo creando spazio che viene riempito con più rifiuti. "

Questo, spiega l'esperto, porta ad un circolo vizioso in cui le cavità situate tra i denti diventano più profonde e la placca, per indurire, diventa più accumulo di scala. Poi, il materiale batterico viene spostato alla radice distruggere osso di sostegno del pezzo stesso che quando allentato, infine cade.

"Il grado di sviluppo della malattia è molto diversa, anche tra i pazienti con quantità simili di tartaro, apparentemente a causa, in base alle caratteristiche di ciascuna piastra menzionato persona contenente diversi tipi e quantità di virus".

approfondisce anche l'intervistato, "Ogni individuo reagisce in modo diverso a quelli causati da semplice acidità salivare, in gran numero, in modo che i rifiuti più veloce e più facile da infezioni; per esempio, possono causare focolai di infezione che attacca i denti per alcuni mesi, seguiti da periodi quando la malattia non sembra provocare ulteriori danni ".

Attenzione ai segni

Dott. Alcantara Contreras elenca i seguenti sintomi della parodontite:

  • Sanguinamento.
  • Infiammazione e recessione gengivale, in modo che i denti sono più lunghi.
  • Alito cattivo (alitosi).
  • parti di mobilità.
  • Separazione interdentale.
  • Aumento della sensibilità dei denti, soprattutto a freddo.
  • Bruciore e gengive doloranti.
  • Aspetto di bolle (ascessi) in gengive.

Per quanto riguarda la diagnosi, gli stati periodontist: "Dentisti misurare la profondità delle cavità in gengive con tubo sottile, mentre i raggi X mostrano il numero di ossa colpite (una maggiore perdita, il dente si allenta e cambiare posizione). E 'anche pezzi fronte comune sporgenti fuori e, di solito, la condizione non provoca dolore fino ai denti a sufficienza per muoversi durante la masticazione o forme cavi (accumulo di pus) "è allentato.

Per quanto riguarda il trattamento, il dentista può pulire foratura fino a 5 millimetri di profondità, utilizzando raschietto e spazzola che rimuove le radici con la profondità sia tartaro e la superficie della radice malata; Allo stesso modo, ci sono metodi attualmente ultrasuoni che eliminano tali rifiuti con maggiore facilità e meno disagio; anche per i fori 6 mm o chirurgico più frequentemente spesso richiesto.

È anche possibile "rimuovere la parte staccata della gomma, in modo che il resto può aderire fortemente a nuovi denti, consentendo la pulizia della placca a casa. Se gli antibiotici sono prescritti necessarie, in particolare se vi ascessi e cavità profonde droga impregnati filamenti sono posti in alta concentrazione, in modo che il suo effetto raggiunge la zona malata ".

Si rileva inoltre che le lacune causano parodontale scoppio distruzione ossea ", così l'attenzione immediata con la chirurgia e farmaci contribuisce alla rigenerazione di gran parte del tessuto osseo danneggiato, e che può essere posizionato perdite profonde per rigenerare materiale sintetico che che è stato perso. "

È interessante notare che i batteri stessi non sono in grado di provocare gli effetti di cui sopra, ma richiedono che l'individuo è suscettibile, cioè che ha predisposizione genetica, oltre l'ambiente adeguato per l'infezione, come tabacco generato e stress, importanti fattori di rischio che sono molto importanti per lo sviluppo della colonizzazione.

Adult male, ma ...

L'esperto ha concluso che "la parodontite è raro nei giovani adolescenti (circa 1 caso su 10.000), ma dalla più tenera età dovrebbe avere un'adeguata igiene orale per prevenirne la comparsa, e la sua frequenza aumenta con l'età (per 10% tra 30 e 40, e dal 25% al ​​30% tra 50 e 60 anni) "e ciò è causa di cattive abitudini acquisite nei primi anni di vita.

Allo stesso modo, questa infezione "può rappresentare pericolo per pazienti immunocompromessi (basse difese, come in quelli sottoposti a chemioterapia e radioterapia contro il cancro o HIV AIDS, per esempio); quindi sia la diagnosi tempestiva e l'intervento sono necessari per diminuire la quantità di supporto osseo danneggiato. Inoltre, a volte è possibile utilizzare le tecniche volte a controllare l'infezione e la rigenerazione dei tessuti parodontali distrutti. "

7

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha