Fattore di rischio alimentare per sviluppare il cancro al seno

Fattore di rischio alimentare per sviluppare il cancro al seno

Secondo una recente ricerca, circa il 30% dei tumori sono legati allo stile di vita, in particolare il consumo di tabacco e alcol, così come il cibo. Quest'ultimo fattore richiama l'attenzione in quanto si ritiene che 7 su 10 donne messicane sono obesi, in altre parole, i candidati per la malattia mortale.

Il fattore principale per lo sviluppo di qualsiasi tipo di cancro, e alla quale interessato può fare poco, è il fatto che un membro della famiglia ha sofferto di questa malattia. Tuttavia, in particolare nelle donne altri fattori possono influenzare il loro aspetto, come l'età (a meno di 55 anni); esposizione alle radiazioni e l'uso di contraccettivi orali. Essere ancora più specifico, il cancro al seno può anche essere influenzata dal numero di gravidanze e l'età in cui si ha la prima mestruazione (menarca) e / o l'ultima (menopausa), poiché in entrambi i casi il più giovane è maggiore rischio.

All'inizio del testo fatta menzione alcool e tabacco sono anche agenti di rischio, sia il controllo fattibile; Tuttavia, questa volta ci concentreremo su un altro fattore controllabile: diete ricche di grassi aumenta l'obesità. A questo proposito, il Dr. Victor Lira Puerto, capo di Oncologia XXI secolo National Medical Center, ha detto che "in Spagna il cibo in generale è ricca di grassi, che favorisce l'aumento di peso corporeo e la quantità di estrogeni (ormoni femmina) nel sangue, che aumenta il rischio di cancro al seno nelle donne, in particolare dopo la menopausa.

"È noto, per esempio, che in paesi come Giappone, dove la dieta è ricca di fibre e pesce, tassi di cancro al seno sono molto bassi, mentre in Germania le statistiche aumentano considerevolmente perché il consumo di salsicce e grassi è alto ", lo specialista del cancro.

Gli studi su questo risalgono diversi decenni, ma un po 'di recente condotto dall'Unità di Nutrizione in Cambridge (Inghilterra) suggerisce che le donne che mangiano una dieta con troppi grassi, chiamate soprattutto saturi (presenti soprattutto nel burro , latte intero, carne e alcuni biscotti e dolci) sono ad aumentato rischio di sviluppare il cancro al seno rispetto a coloro che non consumano, come è stato annunciato dal vice direttore dell'istituto Sheila Bingham.

misure di prevenzione

Come accennato dal Dr. Lira Puerto, il segreto del basso numero di casi di cancro al seno nelle donne sta nella cucina orientale, che si basa principalmente sulla incorporazione di fitoestrogeni, sostanze ottenute dal regno vegetale e fatti per essere consumati in le funzioni del corpo femminile di estrogeni.

Grazie a loro ci sono bassi livelli di colesterolo e trigliceridi (tipi di grassi che interessa la salute del corpo) grazie ai suoi principi attivi chiamati isoflavoni, lignani, coumastinas e lattoni dell'acido resorcilico, che proteggono anche contro i germi, eventuali infiammazioni e lo sviluppo di osteoporosi. I fitoestrogeni sono consumati da:

  • Soia. Legume originario della Cina e portato in Occidente da quando agli inizi del XX secolo. È costituita da 38% di proteine, che a sua volta comprende tutti gli aminoacidi necessari per l'essere umano, cioè i cosiddetti essenziali (fenilalanina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina, ecc). Inoltre, è ricca di vitamine, in particolare la B: vitamina B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), così come l'acido folico e minerali come calcio, ferro e fosforo. È noto per avere proprietà antiossidanti, cioè, impedire l'invecchiamento accelerato delle cellule. Si consiglia di consumare 34 milligrammi o più dell'intero impianto di soia in due dosi giornaliere, preferibilmente al mattino e al pomeriggio, perché in questo modo il cosiddetto colesterolo cattivo diminuisce.
  • Tofu. Derivato da semi di soia, i cui semi Immergere poi cucinare; il liquido ottenuto si chiama latte di soia, e dopo aver ricevuto un coagulante naturale (di solito aceto di sidro di mele o succo di limone) dà luogo ad un tofu "ricotta" ricevendo il nome, che può essere consumato in molti modi, anche in crocchette patè o salsiccia. Oltre ad alleviare i disagi della menopausa, prevenire la decalcificazione ossea e l'accumulo di grasso nelle arterie, che parte infarti e cancro.
  • Cimicifuga racemosa. nativo a est e dal quale medicinale vegetale non riescono arginare dove glicosidi triterpenici e isoflavoni, il cui meccanismo d'azione interagisce in modo efficiente con si trovano i recettori degli estrogeni. Si è trovato che rafforza ossa e arterie, e riduce la quantità di colesterolo nel sangue; è commercializzato sotto forma di compresse rivestite e 20 grammi è comune ad essere prescritto dal medico in aggiunta ad un trattamento ormonale.

Ma il segreto è un'altra consumo orientale di fibre vegetali, che consiste in un insieme eterogeneo di componenti: cellulosa, emicellulosa, pectina, lignina e gengive, le azioni principali sono ritardate svuotamento gastrico, lento assorbimento glucosio e colesterolo alimentare, nonché diminuire il tempo di transito intestinale e aumentare il volume delle feci e la frequenza del movimento.

Gli esperti di nutrizione consigliano di mangiare da 20 a 30 grammi al giorno di cibi ricchi di fibre, tra i quali si possono citare: cereali integrali (per pane e pasta), avena, lenticchie, mandorle, mais, ceci, piselli, buccia di patata , carote, zucca, asparagi, broccoli, cavoli, cavolfiori, lattuga, guava, mango, fichi, prugna, pera e mela con la buccia, papaya, uvetta, limone, arancia e pompelmo.

il rinnovamento cellulare

Fattori come l'inquinamento, alcuni prodotti chimici per la casa, alcuni farmaci, tabacco da fiuto, generatori di raggi X e pesticidi sono chiamati radicali liberi, composti che accelerano l'invecchiamento cellulare che può portare a gravi problemi di salute come il cancro.

Per impedire la produzione incontrollata di radicali liberi il corpo ha un sistema di controllo, che è, crea antiossidanti chiamati, ma purtroppo il numero generato non è sempre sufficiente a contrastare l'azione. Tuttavia, attraverso il consumo di alcuni alimenti si aumenterà la quantità di questi nutrienti, tra cui si evidenziano:

  • La vitamina A. E 'chiamata anche retinolo (quando ottenuto da alimenti di origine animale) o beta-carotene (eventuale frutta e verdura). Naturalmente si trova nel fegato, pesci grassi, tuorlo d'uovo, latte, formaggio, burro, carote, spinaci, pesche, broccoli, pere, arance, cavoli di Bruxelles, mango, pesca e mela.
  • La vitamina C. E 'noto come l'acido ascorbico è necessario per la produzione di collagene, il metabolismo dei grassi, guarire le ferite e di rafforzare le difese dell'organismo. Può essere trovato nei pomodori verdi, melone, cavoli di Bruxelles, cavolfiore, ribes, guava, fragole, kiwi, arancia, pompelmo e limone, soprattutto.
  • Vitamina E. E 'noto anche come tocoferolo, ed esiste in quattro tipi: alfa, beta, gamma e delta. E 'contenuto in avocado, broccoli, prugne, spinaci, asparagi, mele, banane e carote. La sua carenza può causare delle cellule e la distruzione dei globuli rossi, l'anemia, l'invecchiamento precoce e disturbi riproduttivi.
  • Selenio. Mineral con la capacità di prevenire l'invecchiamento precoce e cancro. Gli alimenti che contengono sono a base di carne, pesce, latte, germe di grano e crusca, cipolla, aglio, pomodori, broccoli e lievito.
  • acido folico. E 'noto anche come vitamina B9 e in combinazione con la vitamina B12 (naturalmente presente nel latte, formaggio, uova, fegato, rene, carne e pesce) partecipa alla costruzione di DNA (acido desossiribonucleico proteine ​​che preleva il materiale genetica e governa il metabolismo cellulare), così come la formazione e la maturazione dei globuli rossi (elementi nel sangue responsabile del trasporto di ossigeno in tutto il corpo); naturalmente trovato in verde verdure, funghi, fegato, arancio, noci, legumi, tuorli d'uovo e cereali fortificati. Durante la gravidanza si raccomanda che aumenta il consumo di acido folico e dura tre mesi dopo il parto, l'utilizzo di integratori vitaminici e integratori alimentari.

Grasso e più grasso

L'oncologo Puerto Lira è categorico nell'affermare che 1 donna su 8 messicana è probabilità di sviluppare il cancro al seno, aumentando notevolmente le possibilità che sono in sovrappeso.

"Le persone obese sono più vulnerabili al cancro da mangiare grassi saturi. Pertanto, è meglio sapere gli elementi che possono aiutare a prevenire questa malattia, e ricordate che, di per sé, senza cibo genera la malattia mortale ", dice l'intervistato.

Per ridurre la quantità di grasso si consiglia di modificare le abitudini alimentari. Ad esempio, dovremmo ridurre il consumo di burro, carni rosse e grassi animali in sostituzione carne magra (grassi), pesce, pollo senza pelle, latte a basso contenuto di grassi e prodotti lattiero-caseari. Quando la cottura dei cibi preferiscono loa bollito, alla griglia e al vapore, e utilizzare l'olio di oliva, in quanto questi alimenti sembrano avere effetti preventivi contro il cancro. Ricordate aumentare l'assunzione di fibre alimentari, limita il consumo di zucchero, sale, alcol e tabacco da fiuto, soprattutto.

Infine, il Dott Lira Puerto studi hanno riportato che le atlete hanno scoperto che la quantità di estrogeni nel corpo è inferiore rispetto ad altri che sono sedentari. Pertanto, una dieta a basso contenuto di grassi e l'esercizio fisico migliorano la qualità della vita e aiutano a ridurre i rischi di sviluppare il cancro. "Tuttavia, se viene rilevato il problema prima che il tumore raggiunge un centimetro, può essere rimosso e quindi eliminare il problema."

7

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha