"insediamenti tedeschi in Bessarabia" - mostra fotografica presso il Museo del Contadino Romeno

La mostra fotografica "insediamenti tedeschi in Bessarabia (1814 - 1940)" sarà aperto il Giovedi alle ore 18.00 nella Sala Foyer del Museo dell'agricoltore rumeno, l'evento è stato caratterizzato dalla proiezione del documentario "Exodus Danubio" di Peter Forgásc .

La mostra "insediamenti tedeschi in Bessarabia (1814 - 1940)", che si traduce in fotografie di grande storia degli insediamenti tedeschi in Bessarabia, è visitabile gratuitamente fino al 31 agosto, dal Martedì alla Domenica, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, secondo un .

200 anni fa, lo zar Alessandro I invitato coloni tedeschi a stabilirsi nel territorio vicino al Mar Nero, da poco conquistata dagli Ottomani, che ha promesso libertà e diritti di proprietà. Oltre 125 anni di storia degli insediamenti, i tedeschi hanno sviluppato qui una fiorente comunità con l'etica indipendenti e profondamente religiosi. Come minoranza in una società diversa varietà di comunità etniche e religiose hanno convissuto con i gruppi etnici moldavi, russi, ucraini, bulgari, ebrei e altri, in un quartiere tranquillo.

Durante la prima guerra mondiale, i tedeschi Bessarabia sfuggito deportazione in Siberia. Nel 1918, Bessarabia vieni sotto la sovranità rumena. Questa cesura garantire la sopravvivenza originale minoranza tedesca nel loro ambiente familiare. Tuttavia, ci sono stati tagli drastici nel mondo degli affari e della cultura tedesca.

Nel 1940, a seguito del "Patto Hitler-Stalin", i tedeschi erano in movimento in gran numero di ufficiali delle SS e dell'NKVD in Polonia occupata. Nei primi mesi del 1945, hanno dovuto fuggire e per creare una nuova vita in Germania divisa.

Dal 2010, la mostra era presente in diverse città nel sud-est Europa, la Moldavia, l'Ucraina e la Romania: tra gli altri, Chisinau, Odessa, Chernovtsy, Sibiu e Galati. Ma la Germania potrebbe essere visto, tra gli altri, le città di Monaco di Baviera, Stoccarda, Hannover, Ulm, Bonn, Düsseldorf, Berlino, 2013, anche negli Stati Uniti, dove molti tedeschi Bessarabia migrati dopo il 1870.

Il film "Danube Exodus" (1999), premiato con numerosi riconoscimenti internazionali, si basa su materiale documentario trovato nella eredità di ungherese Nandor Andrásovits. E 'stato il capitano piroscafo "Regina Elisabeta", navigando sul Danubio e, allo stesso tempo, un dilettante cineasta appassionato.

Nel luglio del 1939, ha portato sulla sua barca diverse centinaia di profughi ebrei da Vienna e Bratislava lungo il Danubio in Palestina. Molti di loro erano già stati imprigionati nei campi di concentramento e sono stati riscattati da parte delle organizzazioni di soccorso ebraiche. Captain Andrásovits girato alcune scene di vita quotidiana sulla barca in tutte le sue posizioni. Filmmaker Péter Forgásc completato film autentico materiale d'archivio e le storie di testimoni, intervistando i passeggeri in quel periodo.

0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha