Problemi psicologici affrontati da coloro che hanno subito un attacco di cuore

Problemi psicologici affrontati da coloro che hanno subito un attacco di cuore

L'esperienza di infarto del miocardio (cuore tessuto muscolare) determina cambiamenti emotivi colpiti l'ansia più frequente e la depressione. Tuttavia, studi psicologici hanno definito una serie di risposte alle varie fasi della malattia, che hanno un impatto significativo sul recupero.

Per capire che cosa l'attacco di cuore che si deve sapere che ottiene il sangue che alimenta attraverso due arterie (aorta e polmonare), ma se uno di loro è chiuso, la parte del corpo non riceve gli stampi liquidi vitali dalla mancanza di ossigeno, che si manifesta come infarto. Il fatto che le arterie intasate chiamati malattia coronarica, disturbo conseguente maggior parte dei casi una condizione nota come aterosclerosi, che si riferisce alla formazione di placche di grasso sulle pareti interne delle arterie; di conseguenza, questi condotti diventano ruvide, rigide e strette impedendo gradualmente il libero passaggio del sangue.

Onsite infarto miocardico può essere attribuito ai cambiamenti nello stile di vita, la dieta e fattori socio-culturali ed economici, ma anche il sospetto che problemi psicologici giocano un ruolo chiave nello sviluppo iniziale dell'incidente e delle sue manifestazioni cliniche, che è causa di disturbi generati all'interno del corpo. Esso risponde al pericolo, l'ansia e l'eccitazione costante, stimolando la ghiandola pituitaria posteriore posizionato sotto il cranio e il cervello che secerne cortisolo, un componente progettato per indurre la secrezione di altre sostanze chiamate steroidi; questi ultimi sono responsabili per l'aumento della pressione arteriosa, frequenza cardiaca accelerata e aumentare la coagulazione del sangue e livelli di colesterolo nel sangue. Questi fattori, presi insieme, contribuiscono allo sviluppo di attacchi di cuore.

A questo si aggiunge che spesso le persone interessate e / o frustrati da conflitti e fallimenti acquisire l'abitudine di fumare, o che affumicato e ora lo fanno anche. Questa situazione aumenta anche le probabilità di malattie cardiache, perché il contenuto di nicotina e monossido di carbonio nelle sigarette formano un duo letale, e inebriante del corpo, vene e arterie si restringono e influenzano in modo significativo il trasporto di ossigeno.

Chi è a rischio?

In genere, la malattia di cuore è di solito diagnosticata in persone con determinate caratteristiche in comune, per esempio, è stata un'alta incidenza di coloro che appartengono alla categoria degli imprenditori, assetato di potere e costantemente impegnato nel raggiungere il successo; si deve ritenere che essi sono sempre sotto pressione.

Ma non è tutto, perché questi individui sono anche attenti a rispondere alle possibili minacce e di sfruttare al meglio tutte le opportunità che può offrire la crescita; Essi sono anche tolleranti alla fatica, e quando il successo sorride a loro sono convinti che nessun ostacolo è insormontabile. Tuttavia, in questo momento una situazione di errore si verifica nella tua caduta di vita in preda ad una maggiore disagio che si potrebbe sperimentare, nelle stesse circostanze, un individuo della personalità opposta.

Sembra che queste caratteristiche non sono ereditate, ma acquisite, soprattutto se si tratta di bambini allevati da madri ambiziose li spingono e spingono troppo sulla strada per la competitività e il successo. Anche se è chiaro che questi individui, pur avendo aumentato rischio di infarto e di una ricaduta, non sono gli unici che possono contrarre la malattia.

La più alta incidenza di malattie cardiache in questi soggetti ambiziosi e iperattivi è probabilmente legata alle loro reazioni intense alle circostanze della vita quotidiana che sfuggono al loro controllo e che alla fine generano eccesso di secrezione della noradrenalina ormone che aumenta i livelli di lipidi (grassi) nel sangue e aumenta la pressione sanguigna e più incline alla trombosi (coaguli di sangue nelle vene e arterie).

effetti psicologici

difficoltà psicologiche nei pazienti con malattia cardiaca iniziato dal momento in cui deve essere ammesso, sono ancora nella loro permanenza in ospedale e continuano nel periodo di convalescenza e riabilitazione.

Va notato che l'ansia è la dimostrazione che si verifica più frequentemente tra i pazienti in unità coronarica per attacco di cuore, stato emotivo che deriva dalla paura di improvviso o la paura di reiterazione del dolore toracico o palpitazioni morte e la sensazione di estrema debolezza che colpisce questi pazienti, che tendono a considerare come un fatto miocardico irreversibile che determinerà la sua vita futura.

Un'altra reazione che presentano tali pazienti è la depressione, le condizioni che sono state stabilite come reazione al grave problema che li ha colpiti. Il soggetto è mostrato triste, pessimista, poco interessante perché intorno a lui, ha paura di ricadute e di ridurre il lavoro e l'attività sessuale.

Non è raro per essere scaricata dal reparto di terapia intensiva il soggetto indica modesti cambiamenti emotivi, che potrebbe essere semplice disgusto o qualche emozione.

Il momento in cui il paziente lascia l'ospedale e deve tornare a casa diventa una fase critica, perché è nel suo nuovo ruolo di malato recupero vivere di nuovo insieme con la famiglia. Da un lato, il bisogno di sicurezza può spingere convalescenti di adottare atteggiamenti che favoriscono la dipendenza risposte iperprotettivi della famiglia, in particolare il coniuge, e incoraggiare sia rigida osservazione delle indicazioni mediche.

Al polo opposto troviamo l'atteggiamento negativo che esprime l'incapacità del paziente di accettare il ruolo di un paziente, che è intollerante alle preoccupazioni del coniuge e disobbedì consiglio del medico. Questa situazione fa sì che il sostegno socio interessata maggiore peso psicologico di recupero, in particolare condividendo le difficoltà legate alla ridistribuzione dei ruoli all'interno della famiglia e il ripristino di una vita sessuale soddisfacente, e ha sofferto una grande paura il partner muore.

attrazioni

Quando si verifica una situazione descritta, è meglio che la colpito rafforzato con l'aiuto di uno psicologo o psichiatra, equilibrio emotivo, stato sociale basato sulla mancanza di competizione con se stessi e l'accettazione e l'integrazione di eventuali limitazioni imposte nel loro nuovo stato.

Inoltre, gli specialisti della salute mentale verrà insegnato ad evitare lo sviluppo di fobie e depressione, così come accettare uno stato vulnerabile. Questo è un lavoro molto difficile, che richiede la disponibilità di salute di un rapporto con il paziente in cui è emotivamente coinvolto, e che sono fondamentali reciproca comprensione e collaborazione; è essenziale che l'interessato disposti a cambiare aspetti del suo carattere e comportamento che sono nocivi.

Un altro ruolo importante è svolto dalla sua famiglia, che sono estese, inevitabilmente, le conseguenze di problemi emotivi del paziente. Si consideri che il comportamento della coppia, per esempio, può aumentare l'ansia dello stato interessato e la sua dipendenza, oltre ad estendere seriamente sua condizione invalidante; o, al contrario, lo stile di vita assolutamente incompatibile con il suo stato di salute fare; è pertanto auspicabile che tutti i membri della famiglia frequentano la consulenza.

Oltre a mentale, recupero fisico

Un aspetto fondamentale nella riabilitazione di coloro che hanno subito un attacco di cuore è quello di assumere il suo nuovo status non sarà limitata alle attività fisiche per un disabile, e dovrebbe tornare alla vostra vita quotidiana gradualmente dopo il periodo di recupero è terminato. Così, sotto la supervisione di un cardiologo, si può ancora andare al lavoro, in palestra o anche continuare con la loro vita sessuale senza subire uno sforzo eccessivo o eccitazione.

Altrettanto importante notare che dovrebbe essere scartato alcune abitudini quotidiane che possono essere dannosi, come fumare, bere alcolici e mangiare troppi grassi o sale. Da ora in poi dovremo stabilire nuove abitudini che beneficeranno di salute, come ad esempio l'incorporazione nella dieta quotidiana di alimenti come carni bianche, pesce, olio d'oliva, frutta e verdura in generale e seguire le routine esercizio secondo le disposizioni del cardiologo.

Come si può vedere, la riabilitazione della persona che ha subito un attacco di cuore dovrebbe non solo fisica ma anche psicologica, e dovrebbe coinvolgere anche la famiglia e il medico. Infatti, solo evitando atteggiamenti sbagliati e, soprattutto, il comportamento pessimist paziente, si può ritrovare una buona salute.

0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha