Un mondo perduto, scoperto in Amazzonia

L'attuale foresta amazzonica era una volta il luogo in cui città e villaggi anche prosperato antiche città greche e romane, gli archeologi hanno annunciato i brasiliani, che hanno scoperto i resti di un antico rete di città enormi dimensioni nel bel mezzo della giungla amazzonica.

In una zona considerata intatta dall'uomo, la regione brasiliana Xingu, gli archeologi sono stati sorpresi di trovare tracce di intensa attività umana risalenti al XV secolo, prima sosiriii primi europei nel continente sudamericano. I ricercatori hanno riportato alla luce resti di vari insediamenti, collegati da un complicato sistema di strade. V'è anche la prova di agricoltura intensa e anche le aziende agricole di pesca.

Anche se le tracce erano quasi invisibili, la loro scoperta è dovuta tribù Kuikuro, la popolazione che si crede di essere il diretto discendente di coloro che hanno costruito le antiche città. I resti archeologici sparsi su una superficie di 60 ettari, anche se le dimensioni degli ex insediamenti sembrano, a prima vista, molto più alto.

Tali fortezze greco antico e fortezze medievali europee, antiche città di Amazzonia erano circondate da possenti mura, le cui forme sono visibili oggi. Più alto livello di sviluppo che abbiamo raggiunto questa civiltà ancora sconosciuto si rivela e le strade, costellata di enormi mercati e luoghi che avrebbe avuto luogo assemblee folla.

Anche se questi insediamenti imponenti costruttori rimangono un mistero per i ricercatori credevano che erano andati dopo il primo contatto con i coloni europei e le malattie portate dall'Europa.

Fonte: BBC

0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha